Dio recita a soggetto.

 
Basta leggere i Vangeli con onestà intellettuale
per rendersi conto che la Misericordia non risponde
ai criteri della contabilità, della matematica, della meccanica,
della giurisprudenza, della logica, della razionalità,
dell’economia, della strategia, della prudenza,
della geometria, del commercio, della convenienza.

La Misericordia è
genio artistico, eccesso poetico, irrazionalità incomprensibile,
sconsideratezza pura, rischio inaccettabile, gratuità limpida,
eccedenza incontenibile, credito incontrollato, occasionalità imprevista.

La Misericordia è
uno sconfinamento consapevole, un buco di bilancio, un sassolino nell’ingranaggio,
un calcolo che non torna, un assolo impertinente, un orologio fuori tempo,
una carta che spariglia, una scorciatoia scaltra, un improvviso colpo di scena.

Chi ancora pretende di oggettivare la Misericordia come fosse un copione di cui si sanno già le battute, si arrenda.

Dio recita sempre a soggetto.

About the author

Originario di Lecco dove nasce nel 1972. Prete della Diocesi di Milano dal 2005. Attualmente Rettore del Collegio Arcivescovile A. Volta di Lecco.

Licenza Creative Commons
La Bottega del Vasaio di don Cristiano Mauri
è coperto da Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.

Close

Send this to friend