«Now you see me» – Pensieri sul racconto del Cieco Nato